palio di siena

Per i turisti il palio di Siena è una gara di cavalli contornata da costumi e rievocazioni, ma per i senesi, è una tradizione intoccabile che fonda le radici nella loro storia e nella loro identità.  Parteciparvi rappresenta un’esperienza ben lontana dal guardare una gara di cavalli, magari tifando per quello o quell’altro solo perché…Continua a leggere “Il Palio di Siena”

SCARICA La Cambogia è li, una nazione incastrata tra Vietnam, Thailandia e Laos, zitta zitta che cerca di togliersi di dosso tutti i suoi orrori. È come una donna che ha subito molestie in casa sua, una donna bellissima, che ha patito in silenzio dentro i suoi confini e che con fatica ha denunciato i…Continua a leggere “Cambogia: quando capire non basta”

L’idea di un viaggio a Marrakech nasce dal fascino per l’esotico e dalla voglia di staccare per pochi giorni dalla cultura europea. Luogo d’incanto, ma anche di contrasti, la città ha due anime, due spiriti di epoche diverse che si incrociano e la rendono unica: da antica città imperiale, si è trasformata in una metropoli…Continua a leggere “Tre giorni nella medina di Marrakech: tra fascino e contrasto”

Ogni mese al volgere della luna piena Hoi An respira  di un’aria magica. Quello che fu prima un antico borgo di pescatori, un’importante realtà commerciale poi, e una graziosa cittadina patrimonio dell’ Unesco oggi, si trasforma. Si illumina. Si anima di miti e memorie. Allo spegnersi del sole si accendono le luci delle lanterne. La…Continua a leggere “Hoi An e la magia di una notte illuminata dalle lanterne”

Tel Aviv skyline city sea

Partiamo dai colori. Partiamo da loro, da qualcosa di semplice e puro, dimenticando un momento la storia, presente e passata, di uno Stato come quello d’Israele. Partiamo dei colori perché sono veri, diretti e sfaccettati. Cerchiamo di guardare con gli occhi di un bambino quello che per un grande è un paese pieno di contrasti…Continua a leggere “Un viaggio in Israele tra tradizioni e contrasti.”

weekend valsesia polenta

Chi più chi meno, chi al mare chi in montagna, chi qua e chi la’, tutti noi abbiamo avuto estati in villeggiatura con i nonni, quelle dove i genitori ti sbolognavano con  “dai che un po’ d’aria di montagna ti fa bene”.
E cosi, dopo un pomeriggio tra gli scivoli e le altalene più imponenti dei miei ricordi, capitava anche a me di sentirmi dire frasi consolatorie e promesse di divertimento degno di un parco giochi.
Testa bassa e lacrimoni, li vedevo salire sulla macchina. La gola pizzicava di tristezza da abbandono. Muta e imbronciata, me ne andavo a dormire nella mia cameretta dal pavimento in legno, non finto legno ma legno vero, dove ogni passo e’ una testimonianza di vita non richiesta, dove i miei sogni di diventare agente segreto, impavido e felino nelle movenze, si allenavano

tetti parigi

Parigi.

Un nome che evoca scenari romantici, figli della pesante eredità che la storia e le arti ci hanno trasmesso. Oggi questo nome è vittima degli eventi che si susseguono per le sue strade. Sono sentimenti contrastanti quelli che la abitano: la paura e l’odio da una parte, l’umanità e la cortesia di chi ti apre le sue porte dall’altra.